Cerca nel blog

venerdì 27 gennaio 2017

notizia imprevista

Succede che,
dopo le vacanze estive 2016, i nonni materni inizino a sentirsi soli perché, dopo ben 10 anni di pieno servizio, anche Samuele comincia il ciclo della scuola primaria. E se prima vedevano almeno uno dei 3 nipoti tutti i giorni perché frequentante la scuola dell'infanzia del paese dei nonni in questione, ora tutti e 3 i nipoti vanno alla scuola primaria nel paese di loro residenza.
Ma proprio nei giorni di inizio scuola, a settembre, mia sorella annuncia la sua gravidanza. Accolta da tutti naturalmente con gioia, a maggior ragione dai nonni che già si rivedevano nei pannidei nonni attivi nella crescita del pargolo.
La data che tutti aspettiamo è fine marzo 2017.
Succede che, proprio ieri, durante la terza ed ultima ecografia obbligatoria, si scopra che il pancino di mia sorella è troppo piccolo, la bambina che porta in grembo anche. Pare che la placenta non faccia bene il suo lavoro, e dal primo ospedale le dicono che se fosse per loro "Cecilia/Emma" nascerebbe immediatamente.
Succede che, per fortuna, abitiamo a 30 km da uno dei migliori ospedali per gravidanze difficili/parti prematuri, il sant'Anna di Torino così mia sorella viene dirottata li.
Per precauzione si iniziano a fare tutti i trattamenti del caso per aiutare la piccolina a sviluppare i polmoni, perché non si sa mai... è solo alla 32esima settimana, e di strada ce ne sarebbe ancora tanta da fare.
Questa mattina inizieranno tutti gli accertamenti del caso e decideranno il dar farsi....
Spero che tutto vada per il meglio, e che riescano ad aspettare ancora un po' per far nascere la piccola, consapevole però del fatto che se la mia nipotina dovesse arrivare troppo presto è decisamente in ottime mani!

2 commenti:

  1. Carissima, leggo il tuo post appena pubblicato e partecipo con affetto all'attesa di questa nipotina, che ora vi sta dando un pò di preoccupazione ma sono certa sarà seguita bene e quando verrà alla luce vi porterà tanta gioia!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina