Cerca nel blog

martedì 5 maggio 2015

viaggi e scoperte

Stavo pensando, in questa mattinata che si appresta a non passare mai, ai viaggi.
Viaggi non intesi solo come spostarsi da un posto all'altro, ma viaggi nel mondo del sapere, delle scoperte, delle mostre... viaggi in senso lato.
Ed a me, che piace viaggiare, mi sembra di non farlo mai abbastanza. Poi però, dopo un lungo week-end pieno di impegni, mi sono seduta a tavolino. Ho provato a pensare, ho fatto un elenco di tutto ciò che abbiamo visto e visitato soltanto in questo 2015 e sono rimasta sbalordita da quanti "viaggi" abbiamo fatto.
Abbiamo iniziato l'anno con una mostra alla reggia di Venaria. Una mostra chiamata "cavalieri, mamelucchi e samurai" dove i bimbi hanno scoperto le varie armature e i diversi tipi di abbigliamento utilizzati nelle guerre in base al periodo storico e a luogo geografico. Alla fine si sono travestiti da cavalieri, con rivestimenti pesanti, braccia bioniche e scudi.
Siamo andati a Buronzo, assistendo ad una esposizione e divertendoci come matti ad utilizzare giochi di una volta. Quando bastavano 2 latte di pomodori per costruire i trampoli, o 2 bocce di legno per una partita a bowling.  Visita al castello di questa bellissima cittadina medioevale, dove i bimbi hanno dovuto ricordare parole e riti magici per salvare la principessa della primavera che un brutto drago malvagio aveva imprigionato in uno specchio.
Per Pasqua siamo andati 4 giorni a Roma...e nonostante il freddo, la pioggia incessante e il vento abbiamo visto tutto ciò che si poteva. Siamo saliti sulla cupola di S.Pietro, gradino dopo gradino, girato per il Colosseo e i fori imperiali, visitato Castel sant'Angelo, sceso i gradini della famosa scalinata di Piazza di Spagna e lanciato una monetina nella fontana di Trevi (anche se era in piena fase di ristrutturazione).
In questo ponte del 1 maggio, così ben organizzato da non aver quasi il tempo di ricordarci che proprio in quel giorno, 11 anni fa, convolavamo a nozze, siamo andati a vedere una mostra sulla nostra squadra del cuore, il Torino, a 70 anni dalla disgrazia che ha distrutto una intera squadra di calcio...
Non potevamo farci mancare la visita alla sacra Sindone, un momento fantastico e meraviglioso che spero rimanga vivo nella memoria dei miei bimbi.  E nel pomeriggio nonostante la lunga coda che avevamo davanti, siamo andati al museo del Cinema. Nulla di più meraviglioso.....semplicemente fantastico.
Tante cose , è vero, e tante ce ne sono in programma. Il viaggio è libertà, è sapere, è conoscenza, è crescita...e spero che per ciascuno di questi nostri viaggi ne rimanga almeno un pezzettino tra i nostri ricordi, un pezzettino che ci renda più consapevoli, più grandi, più maturi e soprattutto che ci faccia capire quanto è bello questo nostro mondo.