Cerca nel blog

lunedì 3 novembre 2014

Risposte

So di essere una persona un pò bacchettona,
lige alle regole, molto credente, severa con i bimbi.
Mi piace andare in Chiesa, mi piace pregare, ed io che faccio parte del coro da più di 20 anni sono assolutamente d'accordo con chi sostiene che "chi canta prega 2 volte". Io non credo di essere capace a pregare, quando recito le preghiere mi sembra che le mie parole non abbiamo senso, che siano solo parole dette una dietro l'altra, mentre quando canto le parole hanno un senso, mi danno conforto, trovo rispote. Mi fanno sentire ascoltata, amata, aiutata, sorretta.
E a volte ho perfin paura. Perchè quando dico che mi sento ascoltata, e che trovo risposte è perchè ho avuto proprio sensazioni di ben essere, pensieri nella testa che non sempre sembravano provenire dalla mia bocca, dalla mia voce.
Proprio come mi è successo sabato. Ed è per questo che voglio scrivere questo post, perchè non so cosa pensare. A volte credo sia suggestione, a volte credo di no, che ciò che ho provato sia davvero reale. Che davvero sia successo.
Dopo 11 anni di malattia, una giovane amica con la quale ho condiviso anni di banda musicale, si è lasciata andare lasciando che la malattia prendesse il sopravvento. Fino alla settimana scorsa stava bene, o meglio era ancora andata alle prove della banda, era affaticata, ma lei con il suo carattere forte andava avanti sempre e comunque.
Sabato, durante la messa di Tutti i Santi, mio fratello mi ha detto che aveva avuto un peggioramento, che i medici avevano detto che non sarebbe riuscita nemmeno ad arrivare a Natale, che chi le stava vicino pregava che smettesse al più presto di soffrire.
Mi è venuto da piangere, lo ammetto. Bisognava cantare il canto dell'offertorio, tra l'altro una lode che io adoro particolarmente,  ma non riuscivo a cantare perchè avevo la voce strozzata dal pianto che volevo trattenere. Leggevo le parole, seguivo la musica e dentro di me pregavo che il Signore la prendesse a se, che la facesse smettere di soffrire, che la salvasse da una lunga agonia.
E li....non mi so spiegare. Ho sentito come un peso che mi si toglieva dallo stomaco, mi sono sentita sollevata e una voce dentro la mia testa mi ha detto "l'ho chiamata, non soffre più".
Istintivamente alzo lo sguardo verso l'alto, ed invece del solito affresco c'è uno squarcio di cielo azzurro azzuro, con lei, il suo volto sorridente, mi saluta e mi dice "sono arrivata, ora sto bene". Mi è passata la voglia di piangere, ed ho pensato che la suggestione a volte, rende le cose davvero reali.
La santa messa è andata avanti, siamo andati al cimitero, e mentre facevo il giro il quel luogo santo ho incontrato nuovamente mio fratello. Gli suona il telefono, legge il messaggio....lei se ne è andata. E mancata appena un'ora prima rispetto al ricevimento del messaggio.
Ed io cosa devo pensare? è stata solo suggestione la mia? é successo davvero?
Mi è capitato altre volte di ottenere le risposte che cercavo, di sentirmi bene dopo una richiesta di aiuto, di "sognare" sensazioni....ma una cosa così mai.
E non ne parlo, per non essere presa per stupida...per evitare dicussioni...per paura di non essere presa sul serio....
Scrivo qui...ora rileggerò......chissà se riuscirò a capire...