Cerca nel blog

giovedì 26 giugno 2014

Chi male comincia....peggio continua!!!!!

Abbiamo aspettato tanto queste vacanze estive.
Vacanze solo da scuola, naturalmente, perchè per le vacanze vere bisogna aspettare fino ad agosto.
Le abbiamo cominciate male, queste vacanze, e peggio stanno continuando. Mamma mia che disastro.
Io ne sto davvero uscendo distrutta, e non so cosa augurarmi...che queste vacanze passino davvero in fretta, oppure se aspettare con pazienza agosto, calmare un pò i ritmi, ricaricarci e goderci ogni singolo istante.
Questa che si conclude domani, è la terza settimana di vacanza, ed in ordine abbiamo avuto virus intestinali, bronchiti più un infortunio. Cosa dovrà ancora succedere?
Il primo lunedì dalla fine della scuola Enrico ci ha deliziato con il virus intestinale, che ha poi passato a Samuele il martedì' e che lo ha girato a Milena il mercoledì. Giovedì pausa.....non mi sembrava nemmeno vero. Ma ecco che con il venerdì Milena ha una forte ricaduta, ricomincia a vomitare e lo fa per ben 12 volte (ha tenuto il conto) tra venerdì e sabato. Domenica comincio a stare male io, resisto fino al giorno dopo quando nemmeno mi riesco ad alzare dal letto per andare in ufficio e devo telefonare ai nonni perchè portino loro Milena al centro estivo e i piccoli all'asilo. Mercoledì sta male mio marito....
Quando tutto sembra ok, comincio io con la tosse, ma mentre io riesco con lo sciroppo a tenerla sotto controllo la passo a Samuele e a mio marito che la trasformano in bronchite. Forte vero?
Inoltre come se non bastasse Enrico ieri, dai nonni mentre io ero in ufficio, si taglia sopra il collo del piede scendendo dalla bicicletta. Mi sembrava tanto profonda e aperta, la ferita, ma per non far scenate ai nonni ho fatto finta di nulla e me lo sono portato a casa. Tenendolo sotto osservazione mi sono accorta che avrei dovuto portarlo al pronto soccorso, ma mio marito era di servizio con i vigili del fuoco fino a notte inoltrata, e di sicuro non me li porto tutti e 3 dietro, i bimbi, in un posto come l'ospedale. Quindi disinfetto un'altra volta e prenoto visita dal pediatra questo pomeriggio. Si, effettivamente era da portare al PS, gli avrebbero messo la colla o 4-5 punti, ma ormai si è formata la crosta e sarebbe inutile portarlo a visitare. Così il doc. mi spiega come disinfettare, con quale prodotto e come fasciarlo e mi rispedisce a casa.
E ora???????? Ho quasi paura di andare a nanna per paura di quello che potrebbe accadere l'indomani. Ma come dice mia sorella "in casa B. non ci si annoia mai...."!!!!!!!!

lunedì 23 giugno 2014

Samuele e i suoi progressi

Ieri ne ho avuta la conferma....tutta la fatica che abbiamo fatto questo inverno appena passato per portare Samuele in palestra è davvero servita tanto.
Prima le 12 lezioni individuali in modo che imparasse e facesse suoi alcuni principi fondamentali per combattere la sua ipotonicità, e poi le 8 in gruppo dove apparrentemente sembrava che giocasse, quando poi, invece, rendeva solide le nozioni imparate.
Soltanto l'estate scorsa non era in grado di camminare anche solo per 500 mt senza poi piegare le spalle e diventare gobbo, senza trascinare i piedi, e soprattutto senza lamentarsi di essere stanco, tanto stanco.
Ora invece...ieri non credevo ai miei occhi. Abbiamo deciso di fare una "passeggiata" percorrendo il sentiero che da Valperga (TO) porta fino al santuario del sacro cuore di Belmonte, una camminata per sentieri in salita....e anche abbastanza faticosi, che dura circa 45 minuti.
Noi di minuti ce ne abbiamo messi di più, molti di più, abbiamo impiegato il doppio del tempo ma poco importa. Quando siamo arrivati in cima lo spettacolo era bellissimo. Il santuario ha davanti a se una anorme terrazza dalla quale si vede tutto il canavese, e anche oltre. Nelle belle giornate si riesce a vedere fino a Torino.
Assicuro che quella che abbiamo considerato come passeggiata in realtà è stata una vera e propria sfacchinata. Milena l'aveva fatta qualche mese fa come gita scolastica ed abbiamo voluto rifarla come gita di famiglia.
Ebbene...Samuele ha camminato sempre belle ritto con la schiena, a tratti da solo, a tratti dando la mano a me o al suo papà, ma per un'ora e mezza senza lamentarsi più del dovuto ha camminato. Sempre più su. Sempre più su....
Non è mai caduto, si è mosso correttamente su quel percorso scosceso....
Sono contenta...tanto contenta per questa dimostrazione che ci ha dato il nostro piccolo guerriero.
E a settembre si ricomincia con la palestra....chissà dove ci portereranno la prossima volta i suoi progressi....

venerdì 13 giugno 2014

Perchè quando....

...ti alzi al mattino e sai già che sarà una brutta giornata, vorresti poter restare a letto ad oltranza
...accendi la radio e la prima canzone che senti ti manda tranquillamente a quel paese e pensi a che cosa possa essere passato per la testa a Masini per scrivere un testo simile, allora capisci che si, era meglio non alzarsi dal letto
...sei arrabbiata, veramente arrabbiata, te la prendi con il mondo intero e sai che non è giusto e questo ti fa arrabbiare ancora di più
...ti fai in 4 per gli altri, e gli altri non se ne rendono conto perchè troppo piccoli, o distratti, o indifferenti, ti fa andare in bestia
....stai male e non riesci a prenderti cura di te perchè hai troppo altre cose che vengono prima...perchè in realtà viene sempre messo tutto davanti alla tua persona, e ti accorgi che è meglio riguardarti, ma non sai a cosa rinunciare, a dove ritagliarti un pò di tempo
....finalmente trovi una mattinata in cui dici "ok, ce la posso fare", entri mezz'ora dopo in ufficio, cambi orari, sposti appuntamenti, c'è sempre qualcosa che va storto, perdi tempo, e la tua rabbia aumenta
.... sei in ufficio, stai scrivendo sul tuo blog, e mentri pensi a tutta questa rabbia, che vorresti urlare, tirare un pugno, fare come Masini e mandare tutti a quel paese, prenderti un giorno solo per te anche se sai che non puoi, ti ritrovi con gli occhi pieni di lacrime, ma no! ora non puoi nemmeno piangere
...sei così ti odi, perchè tu vedi sempre in positivo e quando vedi tutto nero proprio non piaci
...va così va così, e non puoi far nulla se non aspettare che succeda qualcosa di improvviso e positivo che ti faccia passare il malumore

venerdì 6 giugno 2014

A Mile...

Un post tutto dedicato a te....
A te che oggi stai vivendo il tuo ultimo giorno di 2° elementare...e che sei preoccupata perchè la maestra Tiziana ti ha detto che il prossimo anno, in 3°, avrete tutti i giorni dei compiti da fare, e non solo più il venerdì
A te, che domani andrai in gita allo zoo safari con le tue cuginette, lasciando tutti noi altri a casa...e che ti divertirai un sacco, andrai sututte le giostre più strampalate perchè nulla ti fa paura, guarderai gli animali e ti sentirai responsabile di te stessa
A te, che lunedì comincerai l'estate ragazzi...e che passerai l'intera giornata tra giochi, risate, complicità con le tue amichette...e che farai i compiti senza di me, per la prima volta.
A te, che tra 2 mesi compirai 8 anni, ma sei alta come una di 10....e che ti piace guardarti allo specchio e  che vuoi le magliette dei tuoi cantanti preferiti, che fai discorsi seri e cresci in fretta...troppo in fretta.
A te, che nonostate tutto, adori ancora giocare con le barbie, guardare i cartoni animati "da piccoli", cantare con me le canzoni dei cartoni "dei miei tempi", e che ti piace essere coccolata.
A te, che ti fai la doccia da sola, che quando andiamo in bici tutti insieme tu fai da "apri strada" perchè ormai il codice stradale lo conosci perfettamente e di te ci fidiamo ciecamente.
A te, che come adori cucinare e che mi dici "mamma cucianiamo qualcosa insieme?"...e poi tiri fuori il tuo libro di recette.
A te, che stai crescendo, troppo e troppo fretta...che ho paura che prima o poi mi dirai che non vuoi più il bacio devanti alla scuola, o il bacio della buonanotte, o che magari non avrai più bisogno di un mio abbraccio o della mia complicità per fare gli scherzi a papà.
A te....che mi fai ridere, arrabbiare, giocare, urlare, correre, andare in bicicletta e mangiare tanti gelati.
A te...a te che sei la prima dei miei figli e che mi insegni ad essere mamma.