Cerca nel blog

venerdì 29 giugno 2012

patriottismo

Non amo il calcio. Anzi lo odio proprio. E non sopporto quando mio marito guarda le partite perchè lui è l'antisportivo per autonomasia. Lui tifa toro....quindi a casa nostra ci sono maglie/bandiere/tazze/bruchi/bavaglioli/cuori che vibrano.....insomma un pò di tutto. Ama toro e quindi odia, per partito preso, la juve. Una volta un nostro amico è venuto a cena da noi indossando un cappellino dell suddetta squadra, mio marito gli ha sbattuto la porta in faccia intimandolo a togliersi il cappello se voleva entrare in casa......ecco a che livelli siamo.
Comunque le partite dell'Italia fanno eccezioni. Le guardo anche io, e questi europei in realtà li abbiamo seguiti anche con i bimbi.
Tutti insieme a cantare l'inno e poi, comodomante spaparanzati sul divano guardando la partita ciucciando chupa chupa....a noi i pop-corn ci fanno un baffo.
Comunque è bello stare tutti insieme, esultare per ogni goal, o per ogni parata spettacolare "dei nostri". Non credevo che guardare una partita di calcio potesse essere così dolce

martedì 26 giugno 2012

bye bye pannolino...a mai più rivederci!!!!

E' così....in casa B. è finita l'era del pannolino!
Iniziata nell'agosto 2006 e terminata nel giugno 2012.
6 anni in cui ogni giorno, ogni singolo giorno, ho messo , cambiato e gettato pannolini.
Ora quest'epoca è terminata.
Lo spannolinamento di Samuele ha portato i suoi frutti. Ha imparato in fretta, il piccolo, ed ora che il pannolino non lo vuole più nemmeno di notte mi ritrovo con 2 pacconi di pannolini di marca (perchè erano in super  mega offerta) da dover regalare.
E si.....è stato bravo il mio Samuele.
In 2 settimana ha capito perfettamente il meccanismo, e quando si è reso conto di quanto sia più comodo essere liberi non lo ha voluto nemmeno più di notte. E non si bagna!!!!!
Possiamo uscire tranquillamente sapendo che, al bisogno, lui chiamerà.
E anche di notte.....in genere la trattiene tutta la notte, altrimenti si sveglia e chiama.
Mi fa una tenerezza....
E' finita una epoca....quasi mi dispiace finalmente!!!!!
Bye Bye pannolino, a mai più rivederci.

lunedì 25 giugno 2012

ti regalo i miei pensieri.(lettera aperta a...)

Amica mia…


4 ore in ufficio purtroppo non ti permettono di “perdere” tutto il tempo che vorresti…ormai lo avrai già capito anche tu. Ti scrivo questa e-mail a puntate, sperando di riuscire a finirla in mattinata.

Il tuo messaggio ieri mi ha fatto proprio tanto piacere…sto bene, te lo assicuro, è solo un periodo un po’ particolare nella gestione del rapporto con i bimbi.

Non è perché sono sola, non ho bisogno di aiuto, è la gestione delle “emozioni”, dei sentimenti, del fatto che io sono 1 e loro sono 3 e non sempre è facile dividersi equamente. Perché se è pur vero che l’amore si moltiplica tu rimani sempre 1 e loro sempre 3.

Ho solo 2 gambe e quindi uno di loro rimane escluso quando tutti vogliono venire in braccio.

Ho solo 2 braccia e spesso c’è qualcuno che viene escluso da un abbraccio.

E quel qualcuno è sempre Enrico.

Da stupida pensavo che non se ne accorgesse, ma ora ho capito che non è così.

I primi cambiamenti non li ho colti…si è attaccato molto di più al papà ed di questo ero e sono proprio tanto contenta. Poi sono diminuiti gli abbracci, sono diminuiti i “ti voglio bene” che mi diceva ogni secondo della giornata, vuole e pretende la mia presenza in modo diverso. Ora è sempre arrabbiato, fa un sacco di capricci e me lo dice chiaramente che lo fa perché vuole me.

Non so come sia stato possibile arrivare a questo punto. Cioè…subito non lo sapevo, ora ho studiato il mio comportamento e so che è stata colpa mia, anche se non l’ho fatto apposta.

Milena e Samuele sono nuovamente stati malati, contemporaneamente, con una brutta tonsillite. Però…se Milena da vera femmina quando è malata è come se non ci fosse, Samuele, vero maschio, pretende la mia presenza anche mentre dorme.

Quindi in questa ultima settimana le mie attenzione erano solo per loro 2 e quando era ora di Enrico…non avevo voglia di stare con lui. Ero stanca, volevo un attimo per me…credo che sia giusto e normale, ma non è giusto che lui sia stato allontanato.

Ma se mi guardo indietro…Enrico non si è praticamente ammalato per tutto l’inverno, mentre gli altri 2…..non voglio nemmeno tornare indietro con il pensiero.

Enrico lo amo da impazzire….glielo dico tutti i giorni, ma in amore le parole non bastano, servono i gesti…ed io in questo sono stata molto carente.

Ora sto cercando di recuperare….ma la prepotenza di Samuele rende le cose difficili. Perché come io mi avvicino a Enrico lui arriva a “disturbare”. Se ho in braccio Enri vuole venire anche lui, se lo coccolo le vuole anche lui….io voglio passare momenti esclusivamente con Enrico, ma non voglio escludere gli altri per non entrare in un circolo vizioso.

E sto male…perché non li so gestire.

Piango quando vedo Enrico che piange e fa i capricci perché vuole stare con me, ed io in quel momento non ci sono

Non mi piace quando Samuele esprime il suo disappunto con la “violenza” per allontanare tutti da me.

Non mi piace Milena che fa i capricci, non accetta “no”, istiga i fratelli e istiga noi.

Non mi piace nulla di come sto gestendo i bimbi. Affettivamente parlando. Perché i loro gesti parlano chiaro. Hanno bisogno di me ma io non riesco ad esserci per tutti…

Ed è la cosa più brutta per una mamma…o almeno lo è per me….

Sapere che loro non chiedono altro che stare con la loro mamma, e non avere il tempo/la capacità di fare l’unica cosa che dovrebbe essere la priorità di una mamma:stare con i propri figli.

Vado al parco, li porto fuori, mi faccio un mazzo tanto per portarli in giro in bicicletta. Ora mio marito lavora anche il sabato fino alle 5 e non voglio che questo penalizzi le nostre uscite. Logico che loro tutti i miei sforzi non li vedano, ed io non voglio sicuramente rinfacciargli ciò che sto facendo per loro. Loro non vedono la mia fatica, io non voglio che la vedano, però…posso dirti una frase che forte ti farà ridere? Preferivo quando erano più piccini perché anche se era più faticoso, per lo meno avevano tutti gli stessi interessi.

Ora invece…come faccio quando Enrico vuole giocare con Filippo che è in giardino, e Milena vuole giocare con Chiara che, magari è al parco?

Uno o l’altro deve rinunciare…si fa una volta per uno…ma credimi…è difficile.

A volte”bestemmio” urlando a me stessa che forse avrei dovuto fare un figlio solo, perché non avrei avuto tutti questi problemi. Poi mi pento subito perché i miei figli li amo….loro si adorano…e non posso nemmeno immaginare la mia vita senza uno di loro.

Proprio per questo Milena andrà all’estate ragazzi…a lei fa bene, e a me permetterà di passare dei momenti veri con Enrico, mentre Samuele dorme, e passare del tempo con entrambi in modo diverso dopo il suo risveglio.

Le emozioni, i sentimenti la fiducia ed il rispetto…il dirsi ti voglio bene, un abbraccio, gli occhi con i quali mi guardano quando mi dicono “ti voglio bene”…io non voglio perdere tutto questo…ma le cose stanno cambiando.

Stanno cambiando un po’ per causa mia, un po’ perché loro stanno crescendo….

Mi sento incapace, impotente, inadeguata…..

Non dirmi, amica mia, che non è vero….non ripetermi che sono una brava mamma e “le solite cose”. Perché lo so…nel senso che ci provo e do tutta me stessa, mi piace e vorrei poterlo fare a tempo pieno…ma ora non ho bisogno di questo.

Voglio la certezza che saprò recuperare il mio rapporto con Enrico.

Voglio che qualcuno mi dica che è solo un momento passeggero e che nessuno dei miei figli soffrirà per delle mie mancanze affettive.

Voglio che qualcuno mi dica che i miei figli, presto, capiranno quanto sono fortunati ad essere in 3…che si devono voler bene e non essere gelosi uno dell’altro.

Voglio che qualcuno mi dica che tornerà tutto come prima, con Enrico che mi dice che quando è grande vorrà sposare solo me perché “tu mamma se la più migliore del mondo”

Voglio che Milena non mi dica più “mamma ti posso aiutare” ma torni a dirmi “giochiamo con le bambole”

Voglio che Samuele la smetta di tirar fuori rabbia, ma che esprima tutto l’amore che ha, perché quando vuole è un bambino dolcissimo.

Voglio guardare i miei figli e vederli felici e sereni. Con quei loro occhietti che brillano di gioia.

Non considerarmi cattiva per le cose che ho scritto….

E’ che….mi sento incapace di rendere i miei figli felici….



mercoledì 20 giugno 2012

una brutta figura....

Finalmente un topic allegro...per voi che leggete....sempre che qualcuno sia sopravvisuto alle mie ultime lamentele e abbia ancora voglia di leggere il mio blog.
Bhè, a questo sopravvissuto va un premio....questo post di autosputtanamento in cui racconto la mia ultima disavventura.
Vi assicuro che ne vale la pena...di leggere intendo!
Allora. Devo premettere che domenica pomeriggio ho sbattuto il piede contro la gamba del tavolo e ora ho il dito mignolo del piede destro fuoriuso. Completamente viola, gonfio...non riesco ad indossare nessuna scarpa diversa da infradito molto larghe e aperte. Non chiedetemi se il dito è rotto, non lo so e non lo voglio sapere.
Comunque...io sfoggio queste bellissime infradito tutte piene di fiori (comprate non so quanti anni fa) e tutta fiera cammino velocemente per finire tutte le commissioni che mi spettavano nel minor tempo possibile.
E proprio quando sono in mezzo alla piazza, davanti al bar dove stanno tutti gustandosi il pranzo, il mio infradito preferito...proprio quello del piede in questione, decide di tradirmi. Si rompe la suola, ed io casco a terra come una scema una pera.
Divento viola dalla vergona e 3, e dico, 3 baldi giovani che hanno assistito alla scena si alzano svelti svelti dalla sedia per venirmi ad aiutare.
Nel giro di 3 secondi mi alzo in piedi, rassicuro tutti del fatto che non mi sono fatta niente e continuo per la mia strada imprecando come nemmeo un camionista sa fare.
Ma come cavolo è possibile che la scarpa si sia dovuta rompere proprio davanti al bar e non 50 mt prima o 50 mt dopo???????????
Comunque davvero non mi sono fatta male...ieri...perchè oggi, in reltà sono tutta rotta.
Ohi Ohi che male.....

martedì 19 giugno 2012

Estate ragazzi...tra euforia e sensi di colpa

Ultimamente Milena è cambiata parecchio.
E' cresciuta. Non solo fisicamente, ma anche e soprattutto di testa. Chi non la conosce stenta a credere che abbia solo 5 anni...si bhè, quasi 6. A primo impatto la si considera già una bimba "da elementari"....e questo succede anche se la si sente parlare. E' molto matura, e ha una buona proprietà di linguaggio.
Succede però che a casa si annoia. Non si trova più in sontonia con i fratelli...i 2 anni che la separano da Enrico si sentono tutti e lei per trovare qualcosa da fare li "attacca". E' un continuo bisticcio tra fratelli, un istigare noi genitori, prendere in giro, comportarsi male, essere prepotente e tutta una altra serie di comportamenti negativi.
Sono arrivata a capo della cosa...e so per certo che si comporta così semplicemente perchè si annoia. Lo vedo perchè gira per casa con lo sguardo perso, non le interessa niente, passa da una attività all'altrà troppo in fretta per potersi concentrare. Nonostante il tempo passato fuori al parco, in bici, a fare passeggiate.....nulla! Si annoia. Quando andiamo al parco scelgo sempre quello più distante da casa perchè molto più frequentato e vedo che come arriviamo lei cerca subito la compagnia di qualche altro bimbo...purchè non si tratte di uno dei suoi fratelli.
L'ho notato anche venerdì alla festa con i suoi compagni...è tutta una altra bambina quando è con loro.
E così la decisione...quest'anno Milena andrà al centro estivo, o estate ragazzi...insomma chiamatelo un pò come volete.
Solo al pomeriggio e senza fare le gite... o perlomeno non parteciperà al martedì quando andranno in piscina...almeno 3 pomeriggi alla settimana sarà impegnata!
4 ore in cui potrà fare nuove amicizie, confrontarsi con altri bimbi, fare attività (potrà scegliere ogni giorno attività diverse tra cui cucina/danza/pallavolo/disegno/scenze e altro ancora), cambiare ambiente e trovarsi con persone "alla sua altezza".
Ho fatto proprio ieri l'iscrizione...mi è sembrato molto ben curato, organizzato e pensato.
Milena è contenta.....io pure, anche se mi sento un pò in colpa.
Non pensate male...è che a lei l'ho messa come "premio"....sei grande, vai all'estate ragazzi, conosci nuova gente, ti diverti.....io però a volte la vedo come se fosse non dico una punizione però nella mia testa ci sono dei pensieri tipo "in questo periodo non ti sopporto più, quindi vai all'estate ragazzi così non ti ho più tra i piedi"
So che non è così, però essendo un periodo un pò difficile del notro rapporto, mi viene da pensare che forse dovrei passare più tempo con lei invece di mandarla via. Anche se il problema di fondo è proprio il fatto che lei a casa si annoia e quindi, dandole qualcosa di alternativo, sicuramente le cose miglioreranno da sole.
Spero che questo distacco "forzato" ma necessario ci faccia riavvicinare, perchè non mi piace doverla continuamente riprendere per comportamenti errati, quando so perfettamente che questi comportamenti non le appartengano affatto.
La mia bimba sta crescendo....ed io devo dargli gli stimoli giusti. In questo caso questi stimoli non li può trovare in casa.....quindi non è che abbia molte alternative....

lunedì 18 giugno 2012

la legge di Murphy non sbaglia!

venerdì 15/06/2012
E' proprio così!
La legge di Murphy non sbaglia! Mai!
Questa mattina ho messo la sveglia alle 06.00 per avere tempo di impastare la pizza prima di andare al lavoro....ma potevo anche non metterlo. Ero in piedi dalle 04.30!!
Antefatto...
Anche noi siamo caduti nella trappola del festeggiare il compleanno al centro commerciale, nella zona dei gonfiabili.
Milena è stata veramente abile in questo. Già tempo fa aveva espresso il desiderio di poter festeggiare anticipatamente il compleanno, per poterlo fare con i suoi amichetti di scuola.
Io e suo papà abbiamo accettato. Essendo nata ad agosto non ha mai festeggiato con gli amichetti, e visto che questi sono gli ultimi giorni di materna, (il prossimo anno Mile andrà in una elementare diversa rispetto al 99% dei suoi attuali compagni) lo abbiamo anticipato esclusivamente per loro.
L'idea MIA è di farla al parco giochi. Quella di Mile di farla ai gonfiabili come già hanno fatto i suoi compagni. Lei vuole invitare tutti i compagni, compresi quelli dell'altra sezione (circa 50 bimbi in tutto) io solo quelli con cui va daccordo e passa del tempo insieme.
Come dcevo...Milena è stata molto abile in questo. Ha iniziato con occhi dolci, per poi passare a baci e abbracci, "papino ti voglio bene" e lui ha ceduto. Si è alleato a lei, mettendosi contro di me. Milena ha vinto, io ho perso! La festa si fa i gonfiabili.
La data fissata è il 15/06. Oggi.
Questa notte è stata una tragedia. Milena nervosa e urlante per il mal d'orecchie!
Questa mattina orecchie ancora doloranti....la legge di Murphy non sbaglia.....organizza una festa di compleanno per tua figlia, e vedrai che quel giorno lei sarà malata!!!!!!!
Comunque...nurofen prima di andare a scuola,  e se mi ricordo lo porterò anche alla festa, in modo che lei si possa divertire ugualmente, anche nel caso in cui abbia ancora male!!
Mannaggia a te, Murphy......

mercoledì 13 giugno 2012

500 grammi....mezzo chilo in 2 giorni.
In meno intendo.
Da quando ho iniziato la dieta, 2 giorni fa, ho perso mezzo chilo (che si, per carità non è tantissimo, ma è già un inizio) ho lo stomaco sgonfio, (finalmente pancia e stomaco non sono più un tuttuno formando un'unica palla gonfia) e stringo la cintura dei pantaloni di 1 buco più stretto.
Ho la carica giusta per continuare.....

lunedì 11 giugno 2012

Dieta...per l'ennesima volta

Lo so. L'ho già detto un sacco di volte.
Ma questa volta faccio sul serio....(bhè forse lo dicevo anche le altre volte, ma ora sono proprio seria seria seria).
Ho una marcia in più rispetto all'altra volta...forse 2, il che mi rende più forte, e soprattutto più convinta.
Ho iniziato questa dieta (tengo a sottolineare che è una dieta seria, equlibrata, certifacata che non mi fa affatto digiunare) partendo già da metà strada...nel senso che, finalmente,  mi sono decisa a bere quei famossimi 2 lt di acqua al giorno...e ho visto che si, effettivamente sto meglio. I pantaloni sulle cosce non tirano più..
Inoltre, se al mattino sono obbligata a predendere l'auto, a mezzogiorno vado a casa a piedi, lasciando la macchina nel parcheggio vicino l'ufficio. In questo modo per tornare a casa farò 10 minuti di camminata veloce, più altrettanti alle 16 quando dovrò recuperare l'auto per andare a prendere i bimbi a scuola.
Non saranno 30 minuti di camminata, ma arrivo a 20...più i pomeriggi al parco con i bimbi...più o meno ci siamo.
E oggi, più determinata come non mai comincio la dieta.
Da quando mi sono sposata, 8 anni fa (e mettiamoci dentro pure le 3 gravidanze) mi sono accollata 9 kg assolutamente superflui. Ma, per non rimanere delusa, mi sono posta l'obbiettivo di perderne almeno 5...
Se riuscirò nell'impresa mi terrò più che soddisfatta.
Poi si vedrà...
E' inutile pormi traguardi impossibili....comincio a piccoli passi.
Da 69 kg, devo assolutamente arrivare almeno a 64. Non ho scadenze di tempo...vedremo quanto resisterò io, e con quale scadenza i chili se ne andranno...
Il mio mantra è "un passo alla volta"....poi si vedrà.
Incrociate le dita per me!!!!!!!
Vi terrò aggiornate.....

mercoledì 6 giugno 2012

CIBO

Ho scritto e riscritto questo post migliaia di volte.
Prima raccontavo il rapporto che hanno i miei figli con il cibo....cancellato.
Poi ho scritto di quanto siano idilliaci i pasti a casa B.......cancellato.
La verita è che, anche se i miei figli hanno un buon rapporto con il cibo e i momenti dei pasti siano in genere momenti felici, ci sono dei periodi in cui io eviterei con tutto il cuore di sedermi a tavola con loro.
In questi giorni a darmi problemi è il piccolo Sam.
Non so che cosa abbia, l'ho portato ieri dal pediatra che, come immaginavo, lo ha trovato sano come un pesce. Però non mangia.
E' da lunedì scorso, quindi sono 10 giorni che praticamente digiuna. Non c'è verso di fargli ingurgitare nulla.
Ieri, giorno in cui ha mangiato di più, ha messo in bocca in tutta la giornata 5 craker ed 1 gelato (il tutto mangaito per merenda durante un fantastico pomeriggio passato al parco). Contenta di questo traguardo ho invitato una amichetta di Milena a cena sperando che la sua compagnia favorisse il mancato digiuno...ma no. Avrà mangiato si e no 5 tortiglioni al sugo :(.
Non so più cosa fare....oltre a non mangiare assolutamente nulla non vuole proprio sedersi a tavola. Inizia a piangere, urlare, fare capricci....ed il più delle volte scende dalla sedia senza aver mangiato nulla.
Il pediatra mi ha detto che se entro giovedì non si mette a mangiare faremo degli accertamenti in più....ma è inutile. Il suo è un problema di testa....che sia colpa del fatto che gli abbiamo tolto il pannolino?
E' veramente bravo, colleziona un successo dietro l'altro....e quelle poche volte che si bagna non viene assolutamente sgridato.
Non è a disagio, perchè il pannolino lui proprio non lo vuole può...ma questa è l'unica cosa che mi viene in mente. Ho provato a rimetterglielo...ma comunque lui non si è rimesso a mangiare...
Siamo sempre al parco, in giro in bici...facciamo un sacco di cose...e non mi sembra di avergli fatto alcun torto. Lui è sereno, gioca, si diverte...ha perfino imparato a fare bene le scale (finalmente!!!!) e a pedalare sulla bicicletta del fratello.
Lo coinvolgiamo in tutto quello che facciamo per non farlo sentire "piccolo" eppure forse tutto ciò non basta.
Che faccio ora?
Il suo fisico inizia a patire....il sonnellino pomeridiano viene anticipato perchè lui è troppo stanco e poi, circa 3 ore dopo, sono io che vado a svegliarlo. Anche alla sera mi chiede di andare a dormire prima del solito...
Come si convince un bambino, probabilmente nel pieno dei "terrible two" a mangiare???????

lunedì 4 giugno 2012

venerdì 1 giugno 2012

scontri frontali

C'era da immaginarselo e ieri è successo.
E' quasi estate, ancora si gela  finalmente fa caldo e i bimbi possono indossare i tanti sospirati pantaloni corti. E anche quest'anno abbiamo risolto l'equazione
estate : gambe scoperte = cadute : ginocchiasbucciate
Ebbene si. Ieri sera c'è stato uno scontro frontale tra biciclette. E così la ancora incerta Teresa (che ha appena tolto le rotelle alla bici) ha bocciato contro Milena (che invece le rotelle le ha ancora perchè "sto aspettando il momento giusto per toglierle")...oppure Milena ha bocciato contro Teresa...mettetela un pò come volete, io non c'ero, non lo so e poi, sinceramente, poco mi importa di chi sia stata la colpa.
Fatto sta che il caso ha voluto che Teresa riuscisse a tenersi in equilibrio, mentre Milena ha avuto un incontro ravvicinato con l'asfalto. Ed è partita la sirena.E si...perchè Milena è brava in questo. Ha un futuro da attrice drammatica che già me la vedo in televisione a far commuovere gli italiani!!!!
L'ho sentita piangere da casa, mi affaccio dal balcone e la vedo..."uh signur....ci siamo" ho pensato. Sono scesa a prenderla per permettere agli altri 2 teppistelli angioletti di continuare a giocare. Milena non cammina, ha entrembe le ginocchia sbucciate che sanguinano...la porto in casa le lavo le ginocchia e la disinfetto. Le ginocchia sono sbucciate, è vero, ma ci sono 2 millimetrici enormi buchini dal quale escono 2 gocce litri di sangue.
"come farò a camminare - come faccio domani ad andare a scuola - non potrò mai più correre"
Ha passato il resto della sera sul divano...immobile...con una faccia cadaverica...per non parlare poi di quando è stata ora di mettersi il piagiama o lavarsi i denti...'na tragedia.
Questa mattina avevo già rimosso il tutto io...mentre lei appena sveglia già mi chiedeva come potesse fare a scendere dal letto. Camminava piegata con la schiena a 90° ed alla mia domanda "ma perchè cammini gobba? non è la schiena a farti male, ma le gambe" lei mi ha risposto "perchè almeno sono più bassa e le ginocchia non faticano tanto"....
Sarà una lunga estate.....già lo so.