Cerca nel blog

mercoledì 26 gennaio 2011

errore di blog!!!

Avevo appena scritto un post lunghissimo sui puzzle....peccato che l'abbia scritto sul blog di cucina e non su questo.....
Bhè, ora non ho più voglia di riscriverlo da capo!!! UFFAAAAAAAAAAAAAAAAA
Urge un pò di riposo!!!!!

venerdì 21 gennaio 2011

L'ARRIVO DI MILE

Il 1 compleanno di Sam. mi ha portato indietro nel tempo con la memoria. Mi è capitato di ripensare all'attesa e alla nascita dei miei bimbi e...perchè non raccontarlo anche qui?
Quando abbiamo deciso di riprovare ad allargare la famiglia, venivamo da una brutta esperienza. Avevo perso un bimbo qualche mese prima e facevo davvero fatica a riprendermi psicologiamente. Era più mio marito a spingermi a riprovare, ed io l'ho fatto solo per lui, perchè se anche per me il capitolo figli poteva essere tranquillamente chiuso, lui ci teneva tanto, davvero tanto.
Abbiamo cercato Mile per 6 mesi....ed ogni volta che mi arrivava il ciclo piangevo di felicità. Non ero pronta per una seconda maternità....
Quando il test è risultato positivo ho pianto. Ho pianto tantissimo, perchè avevo paura. Paura che tutto si potesse ripetere, paura di fallire nuovamente, paura di far soffrire nuovamente mio marito.
Ho incartato il libro dei nomi che avevamo acquistato poco tempo prima e glielo messo sotto al piatto. Quando l'ha visto mi ha stretto in un lungo abbraccio. Io ho pianto...dinuovo, gli ho spiegato tutto ciò che mi passava per la testa, le mie paure e tutto il resto. Lui mi ha semplicemente detto "insieme ce la faremo"...e da quella frase tutto è cambiato.
Una gravidanza bellissima la mia. Nessuna nausea, nessun problema di nussun genere, tutti i valori della norma.
Intorno al 7 mese ho scoperto che, a ferragosto 2006 (giorno più giorno meno) sarei diventata mamma di Milena.
Alla sera del 9 agosto 2006 classica passeggiata serata con mio maritom nel frattempo mi chiama mia mamma per sapere come sto "benissimo, stiamo uscendo a fare una passeggiata" Siamo andati a trovare una coppia di suoi cugini che abitavano a pochi passi da noi, abbiamo mangiato il tiramisù e la ragazza mi disse "mi raccomando non farla nascere qui"....quante risate ci siamo fatti!!!
Torno a casa, davvero a fatica perchè la pancia ad ogni passo si induriva. Ma non avevo male, davvero non avevo male.
Andiamo a letto...alle 2 iniziano le contrazioni ogni 30m...troppo distanziate per andare in ospedale, anche se io non avevo capito che fossero contrazioni, pensavo di avere bruciore di stomaco causato dal tiramisù. Ohni 30 minuti contrazione - andavo a fare pipì - e mi riaddormentavo. Dopo 30 min si ripeteva la stessa scena. Mio marito, ignaro di tutto, mi è pure arrabbiato dicendomi "ma possibile che devi fare tutto questo casino? NOn puoi fermarti direttamente in bagno invece di alzarti continuamente?"
Alle 7 questi dolori, sempre molto lievi, diventano irregolare. Chiamo mio marito (l'ospedale dista nemmeno 10 min da casa) che tutto tranquillo si alza, fa un abbondante colazione, prende la telecamera....partiamo che sono quasi le 8.
Quando arriviamo all'ospedale mi fanno fare il tracciato, 40 minuti, che rileva leggerissime contrazioni. L'infermiera mi dice non ho la faccia di una che è in travaglio...mha, se lo dice lei, io mi fido! Effettivamente non è che stessi poi così male. Poi aggiunge "guarda, con queste contrazioni potresti andare avanti anche 2 o 3 giorni, comunque ti facciamo la visita e poi decidiamo il dafarsi".
Bene....la visita la devo ancora fare oggi! Alle 9 mi tolgono il tracciato, come mi alzo in piedi divento tutta bianca e la ginecologa, che nel frattempo era arrivata mi chiede se sto male. "bhè, in realtà ho voglia di spingere" rispondo. Mi aggrappo al muro, non riesco nemmeno a camminare. Si spaventano tutti, portano una sedia a rotelle e, sbattendo tra una porta e l'altra mi portano in sala parto. Saranno state le 9.05....bhè, non ci crederete ma è così, ve lo assicuro, alle 09.26 del 10/08/2006 mia figlia è nata!
Senza dolori se non nell'ultimo quarto d'ora. Mi hanno fatto pubblicità in tutto l'ospedale, mi chiamavano "mamma sprint"....
Verso le 10 telefono a mia mamma "ciao, volevo dirti che sei diventata nonna, mezz'ora fa è nata la tua nipotina"...silenzio....dall'altra parte nessuno risponde ...."mamma, ci sei? Sono io...ti volevo dire che sei diventata nonna, ma stai tranquilla stiamo bene"....silenzio..."mamma?"..."si, ci sono...ma ieri stavi bene...mi hai detto una bugia...eri già in ospedale..." "senti mamma riprenditi, quando ci vediamo ti racconto come è andata!"
Così....mi sono presa della bugiarda dalla mamma, da una non in travaglio quando invece lo ero eccome, ho fatto andare l'ospedale in panico perchè la sala parto non era pronta....
Una sola coincidenza accomuna tutti 3 i miei parti: camera 3 letto 5....tutte le volte. Stessa stanza e stesso letto.!!!!!!
Presto vi racconterò la nascita di Enri e quella di Sam...veloci ed indolore proprio come quello di Mile!!!!!!

giovedì 20 gennaio 2011

PROBLEMI DI PARCHEGGIO

Ormai siamo arrivati al punto in cui è diventato pratiacmente impossibile parcheggiare.
Ovunque, non c'è più posto da nessuna parte. E per prendersi il posto si litiga "sono arrivata prima io - uffa prima c'ero io però - avevi solo da non spostarti - mettiti la che lo spazio è più grande."
Bicicletta - spingi e cammina - monopattino - moto -cavallo a dondolo - Sam....si mettiamoci pure lui...è tutto un via vai.
Ops! Vedo spuntare un punto interrogativo sulle vostre teste....parcheggio, non mi riferisco ai parcheggi in strada, quelli ce n'è sempre un sacco perfortuna, mi riferisco a trovare uno spazio in casa per tutti questi mezzi che circolano tra il salotto e la sala da pranzo.
Ormai è diventato un incubo. Perchè se uno usa la macchinina l'altro prende la moto. Immediatamente la macchina viene abbondonata in mezzo al corridoio per il monopattino che è decisamente più veloce. E poi, c'è pure il piccolo Sam che rischia di venire investito, soprattutto quando si decide di prendere la bicicletta..che con le rotelle ancora attaccate occupa il suo bel spazio. Così il piccolo che cerca di correre dietro ai fratelli...senza ruote al seguito, viene spostato da una parte all'altra.
Forse quello che manca davvero è un semaforo....o forsa una rotatoria....o forse urge trasloco nella casa nuova, dove ogni mezzo sarà posto nel garage ed utilizzato esclusivamente all'esterno!!

martedì 18 gennaio 2011

BUON 1 COMPLEANNO!!!

Carissimo Samuele....
oggi spegni la tua prima candelina...anzi, te la spegneranno i tuoi fratellini perchè tu ancora non ne sei capace.
Ho pianto ieri, ho pianto tanto questa notte, e ho pianto e piangerò tanto oggi, nel giorno del tuo primo compleanno.
Felicità, nostalgia, sensi di colpa....ho tante di quelle emozioni dentro di me che non so fare altro che sfogarmi con le lacrime.
So di essere una brava mamma, sei grande, sei sereno, mi riempi di baci tutte le volte che mi vedi, stai crescendo davvero bene e questo per me è una conferma e motivo di orgoglio.
Ho però tanti sensi di colpa nei tuoi confronti, che soprattutto in questo giorno così importante vengono fuori prepotentemente. Sensi di colpa che non passeranno mai, perchè tu e il tuo amore incondizionato e così forte nei miei confronti non fate altro che alimentare.
Cerco di reprimerli....ma il tuo sorriso a 6 denti è come una pugnalata
Cerco di scacciarli...ma ogni volta che ti accoccoli sulla mia spalla è come una coltellata al petto
Sei un bambino teneressimo...sei dolce, innamorato di me come io lo sono di te.
Il reflusso prima, la dermatite ora...ci hanno messo a dura prova perchè nessuno ha dato peso alle mie lamentele. Ho cercato, ho studiato, e ho risolto questi tuoi piccoli problemi che ti hanno fatto star tanto male.
Ora c'è ancora una cosa che mi preoccupa di te... non cammini! Si lo so che è ancora presto, ma non cerchi nemmeno di tirarti su, non punti i piedi....sei soltanto pigro o c'è qualcosa che non va??
Io e papà ti stiamo facendo fare ginnastica...una ginnastica un pò improvvisata da 2 persone che non hanno competenze mediche, ma che sono spinti soltanto dall'istinto e dall'amore infito nei tuoi confronti.
E tu stai migliorando....cavoli, migliori alla svelta. Ora...i piedi non li vuoi proprio puntare, ma quando ti mettiamo dritto nel box, ti tieni con tutte le tue forze alle maniglie e sei in grado di tenerti saldo, senza il nostro aiuto anche per 3 minuti consecutivi. Ridi, forse soddisfatto anche tu dalla nuova vista che ti fa vedere tutto da una prospettiva diversa...
E....se la smettessi di correre dietro ai tuoi fratellini strisciando con il sedere per terra, forse non mi sgualciresti tutti quei pantaloni così velocemente!!!!!!!
Un anno fa, mi sembrava che questo giorno non sarebbe mai arrivato. La riorganizzazione dei tempi, degli spazi, i bambini da gestire con le loro gelosie....non vedevo tempo davanti a me. Poi...natuarlmente il tempo è passato da solo, un giorno....poi due...poi tre...la prima settimana...il primo mese....l'arrivo del bel tempo...ed ho di nuovo visto il sole. Oggi guardo indietro e penso che il tempo, in effetti, è passato perfin troppo infretta.
Sei davvero splendido...cuore di mamma. Dire che ti amo è limitativo....
Tu con la tua dolcezza, con tutto quello che sei, mi riempi di un qualcosa di straordinario, e mi chiedo, se in tutta la mia vita, sarò in grado di restituirti anche solo la minima parte di ciò che tu stai dando a me.
Auguri piccolo Samuele...anuguri di tutto cuore.
La tua mamma, e il tuo papà

lunedì 10 gennaio 2011

DI RITORNO

Eccomi qui, ritornata alla realtà dopo 10 giorni di vacanza.
Vacanza che non ha coinciso con riposo, come invece speravamo io e mio marito, ma che invece ci ha regalato giornate piene, divertenti e speciali.
Il nuovo anno ci ha visto uniti più che mai, perchè questi ultimi 10 giorni li abbiamo sfruttati al meglio.

Gita culturale in provincia, nella grande Torino, sfidando una fredda giornata, girando per le piazze con i nasi tutti rossi e le mani gelate. I bimbi, tutti 3, con il nasino all'insù, per vedere le varie statue con i re a cavallo, le piazze enormi dove si poteva correre perchè senza macchine che rendessero il divertimento pericoloso. Bimbi che si sono adattati alle regole cittadine, viaggi in tram fatti in piedi perchè nessuno ci ha fatto sedere...nemmeno ai bimbi, che entusiasti per questa gita fuoriporta non hanno fatto caso alla maleducazione della gente.
Bimbi che si sono affannati su un toast fumante del mc donald's, e che si sono divertiti come matti quando, finalmente, siamo arrivati al parco del Valentino dove in un grosso capannone c'erano un miliardo di giostre.
Bimbi che stremati, si sono addormentati durante il viaggio di ritorno a casa.

la notte di capodanno, complice la cena con una coppia di amici con i gemellini di 6 anni, passata sul balcone di casa, avvolti in calde coperte per vedere i fuochi d'artificio, ma soprattutto per osservare il volo delle mongolfiere che partivano dal cortile della chiesa e che salivano in su, sempre più in alto, illuminando maggiormente quel cielo già ricco di colori.

All'epifania abbiamo incontrato la befana, che si è calata giù dall'elicottero. Abbiamo giocato con lei, ci siamo abbuffati di caramelle, ed alla fine ci siamo scaldati facendo un girotondo attorno al "babacio" della befana che bruciava.

Ora sono in ufficio, Mile è a scuola, Enri e Sam dai nonni. Tutto è tornato alla normalità, anche se ci sono 2 cose che davvero mi scaldano il cuore. 2 cose che davvero mi rendono fiera di essere la mamma di queste 3 magnifiche stelle....cose che forse per qualcuno non contano nulla, ma per me e mio marito sono davvero una spinta in più.

la prima....ieri sera Mile, prima di dormire e di sua spontanea volontà, ha detto dopo aver fatto il segno della croce la sua prima preghiera...ed io mi sono commossa "grazie Dio per questi bellissimi giorni che mi hai fatto vivere".... quante cose ci sono nascoste in questo pensierino....

e la seconda...3 persone diverse, che non c'entrano nulla con la mia famiglia, 3 persone che tra di loro non si conoscono nemmeno, sono venute da me e mio marito per farci i complimenti sui bimbi. "Sono bravi, educati ed ubbidienti. "
E' un complimento che per me vale molto, perchè se è vero che quando sono in casa, nel loro ambiente, a volte mi fanno davvero impazzire, quando sono fuori casa non mi danno mai nessun tipo di problema....e per me questo è davvero sintomo di vero orgoglio!!!!!!